Il disastro universale dell’agricoltura chimica

Il disastro universale dell’agricoltura chimica
febbraio 25, 2018 La Terra e il Cielo
In Novità ed Eventi

Dagli ingenti danni ambientali e sulla salute si esce solo con l’agricoltura biologica generalizzata.

DANNI AMBIENTALI

Secoli di agricoltura ambientalmente virtuosa avevano rispettato la natura e i terreni agricoli, mantenendo e potenziando una strato consistente di humus, rispettando e curando alberi, siepi, fossi e una ricca biodiversità vegetale e animale e il paesaggio agreste, il tutto come pratiche connaturate alla coltivazione dei campi.

L’agricoltura chimico-industriale da rapina, la cosiddetta “rivoluzione verde”, nel giro di un sessantennio, ha dissipato il patrimonio dell’humus, con le pratiche delle concimazioni chimiche e dei pesticidi, diserbanti in testa, e con il deprivare i terreni di alberature e siepi.

I terreni, con un tenore di humus ormai bassissimo, nelle zone intensamente coltivate, stanno collassando ed hanno molto meno capacità di trattenere acqua, anidride carbonica, di sopportare la compressione, di impedire il dilavamento e l’erosione e di contrastare l’inquinamento.

Ora che il patrimonio di humus tende ad esaurirsi, nelle zone coltivate chimicamente, soprattutto a causa degli aggressivi pesticidi, diventano sempre più gravi le conseguenze: cambiamenti climatici ed esondazioni frequenti, perché i terreni e le piante non trattengono più né l’anidride carbonica né l’acqua, e frane frequenti ovunque, perché i terreni tendono a scivolare a valle, non più strutturati in modo adeguato e non più trattenuti da piante, siepi e prati.

Con le pratiche mortifere la biodiversità degli ambienti agricoli si è ridotta drasticamente e sono scomparse una infinità di piante, fioriture, insetti e altri piccoli animali. Con la centralità che hanno assunto le macchine, insieme a quella della chimica, il paesaggio è stato semplificato ed appiattito, con una presenza di alberi e siepi ridotta al minimo possibile.

 

DANNI ALL’ALIMENTAZIONE

Le conseguenze dell’agricoltura chimica sono ancora più gravi sulla qualità del cibo e sulla salute. Il cibo da agricoltura chimico-industriale si avvicina sempre più ad essere un “cibo-spazzatura”, con poca forza nutritiva e abbondantemente inquinato, cioè tossico. Un cibo che mentre apporta elementi nutritivi sempre più scarsi, fornisce elementi nocivi sempre più abbondanti.

 

DANNI SULLA SALUTE

La catena alimentare porta poi le conseguenze sull’ultimo anello, l’uomo, e sulla sua salute, causando malattie di ogni genere, che colpiscono ad età sempre più basse, legate direttamente all’inquinamento dell’ambiente, dell’acqua e del cibo, che arriva fino nel latte materno.

 

LE SOLUZIONI

Cosa fare? Non c’è altra scelta che fermarsi sul sentiero che porta alla morte e prendere il sentiero della vita. Occorre tornare ad un’agricoltura ecologica, che, al giorno d’oggi, è disciplinata e sottoposta a controlli e certificazioni. In realtà i controlli dovrebbero essere fatti soprattutto all’agricoltura convenzionale chimica, imponendo un minimo nel tenore di humus e un massimo nel tenore di sostanze inquinanti, sui campi e sulle acqua superficiali. Meglio ancora dovrebbero scomparire dalle pratiche agronomiche i prodotti chimici e soprattutto tutti i tipi di pesticidi che, invece di eliminare i mali, sono i portatori della peste moderna.
Il movimento dei consumatori critici e consapevoli, può fare la differenza nell’invertire la tendenza, collegandosi con gli agricoltori biologici ed acquistando solo i loro prodotti. Le istituzioni virtuose possono aiutare con apposite disposizioni e normative e favorendo la formazione degli agricoltori sulla conversione dalle pratiche agricole chimiche a quelle biologiche.

 

Non c’è tempo da perdere: 60 anni di pratiche negative ne richiedono altrettanti per recuperare pienamente i danni.
Ciò che fai al terreno, lo fai al tuo cibo e a te stesso. Amalo e curalo!

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*