Storia

Biologico dal 1980

La cooperativa agricola biologica LA TERRA E IL CIELO nasce nel 1980 dall’iniziativa coraggiosa e pionieristica dei soci fondatori, in un periodo storico in cui impera l’agricoltura convenzionale ed il biologico rappresenta un settore di nicchia sconosciuto.

I fondatori

I fondatori vogliono adottare un nuovo approccio più sostenibile alla coltivazione, in una regione contadina per eccellenza come le Marche, riscoprendo allo stesso tempo un rapporto più equilibrato con la natura, l’ambiente e se stessi. La cooperativa può essere annoverata tra le prime e più durature esperienze biologiche nel panorama italiano.

La riscoperta ed il rilancio di antiche varietà di cereali e legumi, selezionate per la qualità e non esclusivamente per la quantità, ha rappresentato e rappresenta uno dei punti cardine dell’attività della cooperativa. Oggi il farro (Triticum Dicoccum), particolarmente adatto per la pastificazione, l’orzo mondo tostato, usato in passato come sostituto del caffè, il miglio, i due grani duri di varietà antiche (Senatore Cappelli e Taganrò), la cicerchia, considerata anticamente il legume dei poveri, rappresentano per LA TERRA E IL CIELO dei veri simboli della propria scelta di qualità e sostenibilità. Oggi il ventaglio di prodotti, nell’ottica di coltivazioni e, quindi, alimentazione, il più possibile diversificate, si è allargato e vanta una notevole scelta di tipi di pasta di cereali, farine, riso, legumi, caffè d’orzo, sughi e passate, prodotti da forno. Produzioni caratterizzate da una tracciabilità, quasi completamente locale e regionale, che davvero poche aziende in Italia possono vantare.

La riscoperta

I valori

Nel corso degli anni la cooperativa si è sviluppata diventando una solida realtà italiana del biologico senza mai perdere il contatto con i valori della solidarietà, dell’equità e del rispetto della natura, per i quali era nata. Oggi la pasta e tutti gli altri prodotti biologici LA TERRA E IL CIELO, ottenuti da materie prime coltivate in ambienti incontaminati senza l’uso di prodotti chimici sintetici e con l’obiettivo di una giusta retribuzione dei soci agricoltori, sono, per qualità e bontà, tra i più apprezzati in Italia, in Europa ed anche in molti paesi del Mondo.